Calcolatori per confronto carburanti: consumi e risparmi

Calcolatori utili per sapere quanto consuma l’automobile (quanti km fa con un litro di carburante) e quanto si risparmia montando l’impianto a gas o a metano rispetto ad un motore che funzioni a diesel o benzina

Quanti km fa con un litro?

costo pieno di benzinaIl metodo più semplice ovviamente è leggere questi dati sul libretto di istruzioni, dove dovreste trovare i valori ufficiali forniti dalla casa automobilistica per consumi in città, consumi extraurbani e consumi misti. Ma se non trovate questi valori, e soprattutto volete sapere quanto realmente consuma la vostra auto, in base alla vostra guida e in base ai percorsi che realmente fate, allora si può facilmente calcolare empiricamente. Per ogni tipologia di alimentazione il metodo che utilizzo è semplice ed è il seguente:
1) fate il pieno e azzerate il contatore. Dopo aver “consumato” quasi tutto il pieno tornate a fare rifornimento, e segnatevi i chilometri che avete percorso (ad esempio 500km).
2) Fate quindi nuovamente il pieno, e segnatevi – oltre alla spesa – quanti litri corrispondono al pieno (esempio: 85 euro, 50 litri)
3) dividete il numero di km fatti tra i due pieni con il numero di litri, e avrete il vostro consumo reale. Ripetete l’operazione anche nei pieni successivi per avere risultati più precisi. Il modulo seguente ti permette di schematizzare e calcolare semplicemente quanto descritto. Per quanto riguarda gli impianti a metano o gpl non esiste un costo al litro bensì al kg, ma il principio è lo stesso, quindi va inserito il numero di chili di gas risultanti dal pieno. I calcolatori variano i risultati in tempo reale al variare dei valori immessi dall’utente.

%MINIFYHTMLe2726f289f731845c96d5651ec1a2d2110%

Quanto si risparmia mettendo l’impianto a metano e in quanto tempo si ammortizza il costo dell’impianto?

Le auto si dividono principalmente in cinque tipologie di alimentazione, dalla più “costosa” alla più conveniente: benzina, diesel, gas GPL, gas metano e l’ultima arrivata: a ricarica solare/pannelli fotovoltaici. Quest’ultima sta facendo grossi passi avanti ma ha ancora alti costi per quanto riguarda la produzione in serie di motori e scarsa diffusione di distributori di energia, e quindi allo stato attuale della tecnologia l’unico modo per risparmiare sul carburante è quello di installare un impianto a Gas Propano Liquido (GPL) o, meglio ancora, a metano. Oltre al risparmio (che vedremo dai calcoli può ampiamente dimezzare i costi di trasporto) vi sono anche altri vantaggi: minor inquinamento, minor dipendenza dal petrolio (e quindi dagli aumenti di prezzi benzina e delle tasse accise), e sopratutto poter girare liberamente in centro senza preoccuparsi delle limitazioni imposte a motori non recenti o di eventuali circolazioni forzate a targhe alterne. Di contro gli svantaggi di questi impianti sono: nel caso del GPL non si può parcheggiare dentro locali non arieggiati correttamente (parcheggi interni, traghetti) e nel caso degli impianti a metano non c’è ancora buona diffusione di stazioni di rifornimento specie nel sud Italia. Inoltre l’impianto a metano richiede la presenza di una o due bombole voluminose che in alcune auto possono sacrificare il bagagliaio, mentre il GPL richiede un ingombro minimo (il serbatoio può anche stare dentro allo spazio della ruota di scorta). Ma quanto è il risparmio? Fermo restando che varia da veicolo a veicolo (una Panda moderna a metano arriva a fare oltre 300km con circa 10/12 euro), il modulo seguente ti permette di capire quanto risparmieresti. Due note importanti che non tutti conoscono: solo sulle auto a benzina si può installare un impianto a gas (le auto a diesel così nascono e così restano), e il costo dell’impianto a metano varia a seconda del modello di automobile (in quanto alcune richiedono degli “adattatori” aggiuntivi che possono far lievitare il costo di diverse centinaia di euro).

%MINIFYHTMLe2726f289f731845c96d5651ec1a2d2112%

Un impianto a metano varia generalmente da 1200 a 2000 euro a seconda del modello di auto e della capienza delle bombole che vengono montate. Se fai più di 15mila km all’anno (equivalgono a circa 40km/giorno tra andata e ritorno al lavoro più uscite e fine settimana) allora potresti anche ammortizzare l’impianto in poco più di un anno e risparmiare già dal secondo anno. Buon risparmio e buone gite!

2 comments on «Calcolatori per confronto carburanti: consumi e risparmi»

  1. Giovanni ha detto:

    non si possono inserire valori decimali nel campo km/l

    1. magnaromagna ha detto:

      Ciao, se ti riferisci a “Inserisci i KM percorsi con un litro di carburante” ora è stato corretto, puoi inserire anche numeri con la virgola e i decimali. Grazie della segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *