Coincidenze inspiegabili e curiosità agghiaccianti

Storie di cabala, coincidenze storiche curiose, segni premonitori e destini beffardi, fatalità e ricorsi storici.

Quando i segni premonitori diventano realtà

Il Tamerlano

Il Tamerlano e la sua maledizione (avveratasi)

Quando una equipe di archeologi provenienti dalla (ex) Unione Sovietica aprì in Mongolia la tomba del Tamerlano, un discendente di Gengis Khan, trovò un’antica iscrizione che recitava la seguente maledizione: “chiunque aprirà la mia tomba, scatenerà un invasore assai più terribile di me”. Era il 20 giugno 1941. Due giorni dopo la Germania di Hitler invase la stessa Unione Sovietica.

Sempre in tema di guerre mondiali, la scintilla che scatenò la I° guerra mondiale nel 1914 fu l’assassinio dell’Arciduca Ferdinando Francesco, ucciso da un anarchico mentre era in visita a Serajevo a bordo di un’automobile targata III118, un numero che invece ricorda la fine della grande guerra, terminata 4 anni dopo con l’armistizio del 11 11 18

In epoca più recente, nell’anno 2000, durante la realizzazione del videogame Deus Ex, uno dei grafici addetti agli scenari del gioco dimenticò di mettere le torri gemelle nel panorama di New York. Per giustificare in maniera “brillante” la dimenticanza si disse che era una mancanza dovuta, per un attacco terrorista. Un anno dopo le Twin Towers scomparvero effettivamente a causa del famoso attacco dell’11 settembre 2001.

Nome dato, destino dato? Il presagio poi avveratosi in modo più incredibile riguarda uno dei racconti di Edgar Allan Poe, dal titolo “Storia di Arthur Gordon Pym”. Nel libro, del 1838, si parla di un gruppo di naufraghi che, rimasti senza cibo, decidono di uccidere uno di loro per potersi sfamare. La vittima si chiama Richard Parker. Qualche anno più tardi, nel 1884, la nave Mignonette affondò, e solo pochi marinai si salvarono, rimanendo però alla deriva, anche loro senza cibo. Ridotti allo stremo, anche loro decisero di uccidere uno di loro per potersene cibare. E come si chiamava la vittima sacrificale? Richard Parker!

Quando si dice fatalità

Lo stato dell’Ohio, negli USA, è grande come tutto il Nord Italia. Nel 1895 vi erano ben.. 2 automobili. Che riuscirono a scontrarsi tra loro!

All’età di 49 anni l’astronomo sud-africano Daniel du Toit aveva appena terminato di leggere in pubblico una lettura dal titolo La morte può arrivare in qualunque momento. Mangiò una caramella che gli andò di traverso e morì soffocato (vedi morti strane).

gemelli Erskine-Lawrence-EbbinNel 1975, nelle Bermuda (sì, quelle del triangolo), un ragazzo diciassettenne di nome Neville Ebbin venne ucciso travolto da un taxi mentre era a bordo del suo scooter. Lo stesso tragico destino accadde a suo fratello di nome Erskine, sempre a 17 anni, che venne travolto… dallo stesso tassista! E che portava lo stesso passeggero…

Nello stesso anno due fratelli , di nome Arthur e John Mowforth, vivevano entrambi in Inghilterra ma a circa 130km di distanza l’uno dall’altro. Il 22 maggio, entrambi cominciarono contemporaneamente ad sentirsi poco bene. Ignari entrambi delle rispettive condizioni, morirono poco dopo. Ma se questo ai profani può apparire un qualcosa di legato al DNA, assai più incredibile è quanto accaduto a due gemelli finlandesi, nel 2002. Uno dei gemelli, mentre viaggiava in bicicletta lungo la strada statale numero 8, fu investito da un camion. Stessa sorte per il suo gemello, investito sulla stessa strada, sempre mentre era in bici, ma circa 1 km e mezzo più in là….

Le storie di gemelli che hanno uno strano legame sono relativamente frequenti: nel Natale del 1994, a Flitcham in Inghilterra, due auto si scontrarono tra loro. A guidarle erano due sorelle gemelle, che si stavano andando a trovare reciprocamente per scambiarsi i regali natalizi. I loro nomi erano Lorraine e Lavinia Christmas (facevano Natale di cognome..)

Ma a volte la fatalità diventa fortuna sfacciata: Violet Jessop fu un’infermiera che divenne famosa per esser sopravvissuta a 3 grandi disastri navali del ventesimo secolo: era a bordo della RMS Olympic quando squarciò l’incrociatore HMS Hawke. Successivamente cambiò nave e prestò servizio a bordo del Titanic, che affondò. Cominciò a lavorare quindi sulla nave Britannia, che venne affondata da una mina tedesca, provocando decine di morti. Anche in questa occasione la Jessop si salvò, ed ebbe una vita lunga…

Ricorsi storici (e coincidenze numeriche)

hitlerNapoleone Bonaparte, imperatore tiranno francese, e Adolf Hitler, fuhrer della germania nazista, sono accomunati non solo dalla sete di potere e di comando, ma anche da un numero: il 129. Sono infatti nati a distanza di 129 anni l’uno dall’altro, a 129 anni di distanza sono andati al potere, hanno entrambi dichiarato guerra alla Russia (ovviamente con 129 anni di distanza) e sono caduti in disgrazia sempre a distanza di 129 anni…

Il grande musicista George Handel visse a Londra, in Brook Street n.23 ne diciottesimo secolo. Stesso indirizzo in cui visse, esattamente 200 anni dopo, il grande chitarrista Jimi Hendrix. E sempre a proposito di città, nella amena ed elegante Vienna vissero contemporaneamente Hitler, Stalin e Francesco Giuseppe, responsabili in totale della morte di circa 80 milioni di persone…

Qualcosa di agghiacciante è avvenuto anche in Italia. No, non è la dichiarazione “agghiacciande” dell’allenatore Antonio Conte. Siamo agli inizi del XX secolo, quando l’allora Re d’Italia Umberto I si recò in un piccolo ristorante, dove conobbe il proprietario, con cui scoprì di avere diverse cose in comune: erano nati lo stesso giorno, nello stesso paese, ed entrambi avevano sposato una donna di nome Margherita. Ok, può capitare. Ma il 29 luglio del 1900 il proprietario del ristorante venne assassinato in strada. Poche ore dopo la stessa sorte capitò a Umberto I…

Quando il cerchio si chiude

The Hoover Dam è il nome della grande diga americana fatta costruire da Roosvelt durante la depressione per fornire energia a basso costo agli americani, e che diede lavoro a tanti manovali per diversi anni. La costruzione iniziò nel 1931, e terminò nel 1935. Come tutte le grandi opere, sopratutto a quei tempi, provocò la morte di tanti lavoratori: ben 112 ufficialmente. Il primo di questi in ordine cronologico fu JG Tierny, morto il 20 dicembre 1922 (durante i sopralluoghi iniziali). Destino beffardo, l’ultima vittima fu suo figlio, morto nella stessa data di 13 anni dopo…

Tutti sanno che il fondatore di Roma fu Romolo. Il primo imperatore fu Augusto. L’ultimo imperatore fu Romolo Augusto. Un trucchetto facile per ricordarsi la storia?

Il signor Mark nacque nel 1835 il giorno del passaggio della cometa di Halley, che incrocia la terra ogni 75,3 anni. In vita predisse che se ne sarebbe andato quando la cometa sarebbe tornata, cosa che avvenne puntuale, il 20 aprile 1910. Il passaggio successivo è stato il 9 febbraio 1986: se sei nato in quella data, sappi che il prossimo passaggio è ne 2061…