Idee per scherzi e pesci d’aprile

10 idee per scherzi da fare: i più divertenti pesci d’aprile (con video e immagini)

Vuoi trovare qualche idea per fare uno scherzetto a colleghi o al partner? O semplicemente vuoi farti 2 risate guardando i più divertenti scherzi fatti per il I° di aprile? Dopo gli scherzi “classici” degli anni passati, ecco una galleria di scherzetti bastardi, con tanto di immagini e video/gif.
Ogni anno il 1 di aprile ci si sbizzarisce con finte notizie, agguati, burle classiche e non solo: ci si ingegna sempre di più per realizzarne di nuovi, e in questo la rete ci aiuta a scoprire cosa hanno combinato gli altri “pazzi” in giro per il mondo. In questa pagina troverai alcuni idee per realizzare delle burle, e in alcuni casi potrai vedere come riesce lo scherzo guardandone i filmati e le candid camera. Buone idee bastarde a tutti! E fate attenzione..

La corda invisibile (con danno)

scherzo corda invisibile
Difficoltà: facilissimo. Occorrente: nulla, solo la vittima. Come realizzarlo: è uno scherzetto vecchio ma sempre funzionante. Pure troppo, come in questo breve filmato, dove i due ragazzi combinano il danno e scappano… Bisogna essere veramente scemi per farlo su una strada principale e trafficata, va scelto il luogo adatto. Il trucco è far finta di tendere una corda, in modo da far fermare chi sta arrivando. Riesce praticamente sempre, ma attenzione ai danni collaterali! Una versione alternativa invece è quella di fare questo scherzo nel marciapiede, ai passanti (e non alle auto). Si può tendere la corda a mezza altezza per bloccare, oppure in basso chiedendo alle persone di scavalcarla, oppure tenerla in alto e anche senza dir nulla vedrete che i passanti si abbasseranno per passare sotto. Ideale da fare in centro città.

La carta nascosta nel ventilatore

Difficoltà: facile. Materiale: pezzetti di carta tagliati piccoli. Come farlo: mettete i pezzettini di carta dentro la grata di un ventilatore di casa, oppure dentro ai bocchettoni di uscita dell’aria calda/fredda del cruscotto, come nella foto (ma non esagerate, potrebbe diventare pericoloso). Quando la vittima attiverà l’aria… si ritroverà una pioggia di coriandoli inaspettata..
scherzo ventilatore

Il doppio scherzo bastardo

scherzo secchio e portaDifficoltà: facile. Occorrente: un secchio; acqua; filo; bottiglia. Una burla ideale da fare ad un compagno di stanza o un coinquilino. E’ una rivisitazione del classico scherzo del secchio sopra la porta, ma in questa chiave “moderna” c’è un’aggiunta bastarda, ovvero legare una bottiglia (suggerisco di plastica riempita poco e non di vetro) allo stesso secchio. Mettere il secchio (pieno d’acqua) e la bottiglia legata sopra la porta leggermente aperta, e attendere: alla malcapitata vittima che aprirà la porta toccherà un bagno e una bottigliata nei gioielli di famiglia… Nella versione in questo filmato (circa 3Mb) viene usato un cestino (da carta) anzichè un secchio pieno d’acqua, le misure sono state prese perfettamente..

La (finta) visita dei ladri

Difficoltà: medio/facile. Materiale necessario: un po’ di vetro rotto, accesso al garage della vittima. Come farlo: andate nel garage dell’auto della vittima (si può fare anche nel suolo pubblico ma poi bisogna pulire!), abbassate completamente il finestrino dell’automobile, spargete i pezzi di vetro per terra, mettete un po’ di disordine, come nella foto: il risultato sarà un bello spavento per la vittima, che penserà ad una visita dei ladri che gli hanno sfasciato il finestrino. Magari aggiungete un post-it sul sedile tipo “ah ah, ci avevi creduto” per lasciare la vostra firma…
scherzo auto ladri

Scherzi con il frigorifero

Lo scherzetto simpatico. Difficoltà: semplice. Occorrente: pennarello. Si tratta di disegnare occhi e bocca a tutto quanto si trova dentro al frigo: bottiglie, involucri vari. Sta a te decidere se mettere sorrisetti che diano il buongiorno oppure facce storte e linguacce… (vedi foto). Lo scherzetto bastardo. Difficoltà: semplice. Occorrente: nulla, a parte il tempismo. Si tratta di svuotare il frigorifero temporaneamente, togliere i ripiani e – quando la vittima arriva – entrare nel frigorifero e attendere che apra lo sportello. Attenzione, si tratta di uno scherzo che riesce sempre bene, quindi un buuu in questo momento può provocare infarto. Ideale è preparare il tutto mentre la vittima è in bagno, chiamarlo/a dicendo qualcosa tipo “ho le mani impegnate, mi prendi le uova dal frigo” o simile, e dopo “cataminarsi” dentro. Fate qualche prova prima! Il risultato è in questo breve e divertente filmato (3Mb):

Il cassetto pieno d’acqua

gavettone in ufficioDifficoltà: medio/facile. Occorrente: foglio di nylon o plastica trasparente; acqua; nastro isolante o scotch. Una burla ideale da fare ai colleghi d’ufficio o all’insegnante (stile film di Pierino anni ’70), ovvero trasformare il cassetto della scrivania in un contenitore d’acqua, a tenuta stagna. Come si può vedere in figura, basta svuotare il cassetto del malcapitato, stendere un foglio di nylon o altro materiale a tenuta stagna, fissarlo per bene alle pareti del cassetto. Una volta terminato, riempire il cassetto con dell’acqua, richiuderlo, e attendere che la vittima lo apra (ignara del bagno che sta per farsi). Se proprio volete farlo in grande, aggiungete un pesce (ma ricordatevi di non tenerlo troppo, soffrirebbe, bisogna rimetterlo al suo posto) o magari una paperella…

Scherzi con i post-it

A proposito di post-it, uno scherzo classico è quello di tappezzare la scrivania del collega o l’auto dell’amico. Semplice, ma in alcuni casi si possono realizzare delle vere e proprie opere d’arte (bastarda), come in queste foto:

Scherzi di coppia (o tra coinquilini)

Uno scherzo classico che sicuramente facevano i nostri nonni era quello di gettare addosso alla vittima un finto ragno o un finto serpente. La differenza oggi è che si può riprendere tutto facilmente con una telecamera o con uno smartphone, e si può vedere un filmato divertente come questo (circa3Mb), da cui prendere spunto: è stato costruito un ragno gigante, e con un filo/bava è stato fatto calare dal soffitto sul malcapitato che si rilassava sul divano. Che si è vendicato nel video successivo, realizzando un semplice pupazzo da mettere nel letto della compagna: utilizzando la testa di un manichino ha fatto credere alla poveretta di avere un estraneo nel letto, provocandone urla e caduta nel tentativo di fuga. Bella coppia bastarda!

Sempre per la serie burle a chi vive con te, al tuo compagno di stanza o al tuo collega, ecco altre due idee classiche ma sempre efficaci: la maschera del mostro, con tanto di pugnale. Fatta quando la vittima meno se la aspetta è sempre di sicura riuscita, come dimostra il video dove il poveretto salta letteralmente dalla sedia per lo spavento. Poi c’è lo scherzo della sedia smontata: basta un cacciavite o una chiave inglese, e svitare letteralmente il bullone che regge lo schienale, lasciando tutto intatto ma in equilibrio precario. Il risultato sarà come in questo filmato, con mega capitombolo della vittima quando si siederà.

I cari vecchi petardi…

petardi nel wcE non poteva mancare lo scherzo dei petardi, ma anche qui fatto in maniera più subdola e “fine”. Anche in questo caso da fare ai compagni di appartamento o al partner, e ovviamente se abitate lontani da una zona a rischio terrorismo, altrimenti vi trovate le teste di cuoio in casa… Occorrente: petardi “miccette” del tipo che scoppiano a pressione (qualcuno li chiama Magnum, ma questi sono troppo potenti e pericolosi per fare questi scherzi). La realizzazione qui è un poco più complessa: sollevando il coperchio del water si trovano i 4 punti di appoggio della tavoletta. Si tolgono i gommini, e al loro posto si mettono questi petardi. Quando la vittima andrà in bagno e abbasserà la tavoletta per sedersi sopra, immediatamente innescherà l’ordigno e si udiranno quatto botti in bagno (e anche quattro vituperi). Attenzione: questo scherzo va fatto solo con petardi di leggerissima potenza, quelle che alcuni chiamano miccette, altrimenti si finisce tra gli scherzi finiti male. Comprateli in uno dei tanti empori di fuochi d’artificio, dove potete chiedere chiaramente informazioni agli addetti specializzati, evitate il fai da te: quelli potenti provocano gravi danni! Mettetevelo in testa (non il petardo, yuk).

Un fiore per te..

scherzo un fiore per te
Menzione d’onore a questa bambina, con la sua burla semplice e geniale. Occorrente: un fiore bocca di leone (quelli che si soffiano, anche per esprimere un desiderio) e un’amico/a. Mettersi vicini, come nel video seguente, e proporre di soffiare insieme il fiore, per esprimere un desiderio. Se la vittima apre bene la bocca, è un attimo imboccarla..

Scherzi incredibili

Due scherzi sì difficili da realizzare, ma che possiamo goderci in questi filmati (ognuno di circa 3Mb), dove possiamo ammirare: lo scherzo dell’ascensore che perde il pavimento facendo credere alla vittima che sta per volare giù nella tromba dell’ascensore (realizzazione molto complessa da cast cinematografico, dove il fondo dell’ascensore viene sostituito da un vetro resistente, e sotto vengono montati dei pannelli che volano via); lo scherzo dello specchio che non riflette: geniale, in un bagno pubblico c’è un finto specchio, con disegnata

Due scherzi sì difficili da realizzare, ma che possiamo goderci in questi filmati (ognuno di circa 3Mb), dove possiamo ammirare: lo scherzo dell’ascensore che perde il pavimento facendo credere alla vittima che sta per volare giù nella tromba dell’ascensore (realizzazione molto complessa da cast cinematografico, dove il fondo dell’ascensore viene sostituito da un vetro resistente, e sotto vengono montati dei pannelli che volano via); lo scherzo dello specchio che non riflette: geniale, in un bagno pubblico c’è un finto specchio, con stampato/disegnato quello che dovrebbe riflettere (inclusi viso e corpo della persona che si sta specchiando): chi si metterà a fianco per lavarsi le mani… rimarrà a bocca aperta vedendosi non specchiata, tipo fantasma. Guarda i due simpatici video di scherzi:

E tu, quale genialata hai messo in atto per fare un pesce d’aprile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *