Dialetto romano: frasi popolari ed esortazioni

Sberleffi e frasi popolari


FAMO COME L’ANTICHI, CHE MAGNAVANO LE COCCE E CACAVANO LI FICHI: in risposta al quesito sul da farsi, chiamiamo in causa l’antica saggezza dell’Urbe
MI’ NONNO DICEVA: MEGLIO ER SEDERE GELATO CHE ‘N GELATO AR SEDERE: non fidarti mai di chi non conosci bene
SE TE VEDE LA MORTE, SE GRATTA: hai l’ingrata fama di iettatore
A ROSCIO, SI’ TE FAI ‘NA RIGA ‘N MEZZO PARI ‘N GETTONE: immorale atteggiamento di sbeffeggiamento
TE DEVI FA UN CLISTERE DE CERAMICA, COSI’ DIVENTI UN BEL CESSO DE’ LUSSO (citazione da Thomas Milian in “delitto alristorante cinese): temo che tu non mi sia molto simpatico, ne’ ti reputo granche’ bello
CHI S’ESTRANEA DA’A LOTTA E’ ‘N GRAN FJO DE’ ‘NA MIGNOTTA: colui che non prende parte di buon grado alle scorribande collettive, puo andare tranquillamente a darsi fuoco
MA QUELLO E’ ER NASO TUO O TE STAI A MAGNA’ ‘NA FRAPPA?: le dimensioni del tuo naso sono quantomeno fuori dal comune
TE N’ESCI SEMPRE COME ‘NA SCORREGGIA A PRIMAVERA: come ti viene in mente?
SE ‘NVECE DER VITELLO TE DANNO ER MULO, TU MAGNA, STATTE ZITTO E VAFF..O: proverbio popolare indicante l’unico modo possibile per reagire alle truffe (dal film “Fracchia la belva umana”)

A CHI TOCCA ‘N SE ‘NGRUGNA: a chi tocca, tocca
C’HA LASCIATO CO’ ‘NA SCARPA E ‘NA CIAVATTA: siamo stati abbandonati a degli eventi tutt’altro che favorevoli
C’HAI ‘N SEDERE TARMENTE GROSSO CHE SE TE METTI IN BARCONE TE CE FANNO ER NIDO LE AQUILE: sei una persona particolarmente fortunata
FIODENA (fio de ‘na mignotta): espressione dispregiativa “munita di dignita letteraria” (P. Pasolini)
GIAMAICA (gia m’hai cacato il CA..): mi hai annoiato fino all’insopportabile
CHITTASA (chi ta s’anc..): non ho nessuna intenzione di seguire i tuoi consigli
ATTACCATE AR MANICO DE LA PANZA: non ho nessuna intenzione di fare quello che dici tu
E’ ‘NA CAMBOGIA/E’ ‘NA CACIARA(*): l’ambiente e troppo caotico!
MEJO DE ‘N CARCIO A LI COJONI: e comunque meglio di niente
APPARECCHIA ER SEDERE PE’ DUE CHE PORTO ‘N’AMICO: espressione scherzosa rivolta a persona estremamente disponibile verso il prossimo
…E SI’ MI’ NONNO C’AVEVA CINQUE PALLE ERA ‘N FLIPPER: commento sarcastico relativo ad una situazione difficile a verificarsi
SI’ CASCHI PE’ TERA CE VO’ ER CARRO ATTREZZI/TOCCA CHIAMA’ L’ACI: la tua obesita e sorprendente
BOCCA DE CIAVATTA: dicesi di persona schizzignosa nel mangiare
T’HANNO BECCATO COR SORCIO ‘N BOCCA: ti hanno colto in flagrante
CHI MENA PRIMA MENA DU’ VORTE: detto popolare
CO ‘NA SNIFFATA ME NE MAGNO QUATTRO: ho un leggerissimo languorino allo stomaco
S’E’ FATTA ‘NA CERTA: e tardi, dobbiamo andare
CE STA TUTTO: fa proprio al caso nostro

Espressioni esortative in romano

MA VATTE A DA’ ALL’IPPICA COR CAVALLO A DONDOLO: dicesi di persona le cui affermazioni sono palesemente fuori luogo
NUN TE BAGNA’ ‘A CAPOCCIA CHE TE SE GONFIA LA SEGATURA: non sei dotato di una grande intelligenza
STAI A FA’ LI BOTTI/STAI A SCAZZA’: il tuo comportamento e esagerato e sconsiderato
STAI A CACA’ FORI DELLA TAZZETTA/DER VASETTO/’N TERRAZZO: vedi sopra
TE STA A SCUREGGIA’ ER TESCHIO/NUN TE LIMITI/NUN TA REGOLI POPO: vedi sopra
STAI A SCACIOTTA’/SBAROCCA’: vedi sopra
STAI A SGRAVA’/A TOPPA’/POMPA SU LI FRENI: vedi sopra
STAI FORI COLL’ACCUSO: il tuo comportamento ha superato di gran lunga il limite di sopportazione
RIPONITE/RIPIJATE/PLACHETE: calma, per favore, la tua enfasi
NUN T’ARRAPA’: invito a non eccitarsi particolarmente per una determinata situazione
STAI A FA’ ‘R SIMPATICO: i tuoi scherzi o le tue battute sono fuori luogo o non sono gradite
ER DURO VALLO A FA’ AR CESSO: ti pregherei di mettere da parte il tuo fare minaccioso
RAMBO, BUTTA ‘A FASCETTA!/ZORRO, ARICCOJTE ‘A SCIABBOLA: ti consiglio di non fare il duro con noi
STAI TRANCO/TRANCHIGIO/TRANCHILLO/TRANQUO/MANZO: ti invito cortesemente a placare la tua ira
STA’ CARMINO/CARMELO: vedi sopra
NUN CH’OO FA’ ‘O SPLENDIDO/ER GAGGIO/ LO SGARGIULO: limita il tuo esibizionismo
NUN ME CACA’ ER BOZZO/NUN ME STUCCA’ ER PACCO: non mi seccare
NUN ME SCACIOTTA’/STUCCA’ LA BOMBARDA: non mi importunare
VEDI D’ANNATTENE/ MANTANAVAI: ti prego cortesemente di liberare questo luogo dalla tua nefanda presenza
ANZANANNAMO?/ANZA? (forma abbreviativa): forma esortativa a cambiare dislocazione
ACCANNA I GIOCHI (GHEIMS): rinuncia al tuo proposito
FATTE ‘NA CANNA DE LATTUGA/TIMODORE/FATTE ‘NA PIPPA AR CERVELLO: vedi sopra
FATTE ‘NA PERA AR COCCO/D’ACQUA FABIA: rivedi sopra
HAI CHIUSO I GIOCHI: anche le piu remote speranze per te sono svanite
FATTE ‘N PACCHETTO/’NA MANICA DE…: perche non circoscrivi i tuoi interessi a cio che ti riguarda?
NUN STA A FA’ ER BAVETTA: non ingannarmi
FATTE ‘NA PERA/’N’ENDOVENA DE CAMOMILLA: ti consiglio di calmarti [https://www.magnaromagna.it] Fonte: turbozaura.it

One comment on “Dialetto romano: frasi popolari ed esortazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *